logo_ANAMMI
"Un condominio efficiente comincia da te"

PIZZOTTI AMMINISTRAZIONE CONDOMINI di Francesca e Silvia Pizzotti

P.IVA: 02281260568​​


facebook
twitter
linkedin
logdef

A.N.AMM.I.

Associazione 
Nazional-europea 
AMMinistratori d'Immobili
logo_ANAMMI

A.N.AMM.I.

Via Monte Asolone 3 - Viterbo

Tel: 377.2576175 / 0761.303339

Mail: ​segreteria@studiopizzotti.it

Associazione 
Nazional-europea 
AMMinistratori d'Immobili

facebook
twitter
linkedin
LOGO-Pizzotti-ufficiale_1469201612314
LOGO-Pizzotti-ufficiale_1469201612314
LOGO-Pizzotti-ufficiale_1469201612314

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001

Studio Pizzotti - Blog

25/02/2016, 19:15

#regolamento #condominio #amministratore #sanzioni



Il-regolamento-di-condominio


 ...l’insieme delle regole che disciplinano la vita condominiale.



Il regolamento di condominio è l’insieme delle regole che disciplinano la vita condominiale. 
Esso può essere di natura: 
·        contrattuale: accettato da tutti i condomini perché contenuto nell’atto di compravendita delle singole unità immobiliari;
·        assembleare: viene approvato in sede di assemblea con una delibera assembleare, in prima e in seconda convocazione, con una maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno la metà del valore dell’edificio; 
·        giudiziale: nel caso in cui l’assemblea non provvede ad approvare il regolamento o quando si rifiuta di redigerlo. Ciascun condomino può ricorrere al giudice ottenendo inizialmente una sentenza dichiarativa del dovere del condominio di redigere il regolamento, in seguito a fronte dell’inattività dell’assemblea, il regolamento verrà redatto dal giudice stesso. Il regolamento adottato coattivamente dal giudice con una sentenza ha efficacia vincolante per tutti i condomini . 
Il regolamento di condominio è obbligatorio se il numero di condomini è superiore a dieci. L’iniziativa per la formazione del regolamento deve essere assunta dall’amministratore.
Il legislatore regola questo tema con l’Art. 1138 c.c.:
"Quando in un edificio il numero di condomini è superiore a dieci, deve essere formato un regolamento, il quale contenga le norme circa l’uso delle cose comune e la ripartizione delle spese, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonché le norme per la tutela del decoro dell’edificio e quelle relative all’amministrazione. 
Ciascun condomino può prendere l’iniziativa per la formazione del regolamento di condominio o per la revisione di quello esistente. 
Il regolamento deve essere approvato dall’assemblea con la maggioranza stabilita dal secondo comma dell’articolo 1136 ed allegato al registro indicato dal numero 7) dell’articolo 1130. Esso può essere impugnato a norma dell’articolo 1107. 
Le norme del regolamento non possono in alcun modo menomare i diritti di ciascun condominio, quali risultano dagli atti di acquisto e dalle convenzione, e in nessun caso possono derogare alle disposizioni degli articoli 1118, secondo comma, 1119, 1120, 1129, 1131, 1132, 1136 e 1137. 
Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici."
Nel caso in cui vengano commesse delle infrazioni al regolamento di condominio viene applicato l’art. 70 disp. att. c.c. che prevede il pagamento, a titolo di sanzione, di un importo massimo pari a € 200,00 e in caso di recidiva, fino a € 800,00.


1
Create a website